PRIMOPIANO
In evidenza oggi

PREVISIONI DEL TEMPO
Commenti, interventi,
polemiche

matitaIDENTIKIT
Ecco che cos’è
società civile

MEMORIA
Archivi e documenti

CENTOFIORI
Il meglio della rete

FORUM
Spazio libero alle idee

 
 
 

La chiesa di Moon, il diavolo e gli angeli

Che cosa fa e in che cosa crede la "Chiesa della Riunificazione",
la setta che ha stregato lo "stregone" Milingo.
Moon, secondo il Vaticano, è il diavolo che si è vendicato del vescovo esorcista. Secondo i suoi seguaci, invece, è l'uomo capace di invitare gli angeli sulla terra. Intanto ha invitato la Fiat a fare auto e affari in Corea

di Gabriele Romagnoli



Il capo si chiama
Sun Myung Moon, più conosciuto semplicemente come "il Reverendo Moon", fondatore della Chiesa dell'Unificazione, movimento religioso con milioni di fedeli nel mondo. Noto, soprattutto, per i matrimoni di massa, celebrati nello stadio di Seoul, al Madison Square Garden, per videoconferenza, via Internet, tra migliaia di coppie che s'incontrano per la prima volta al momento del sì. Nozze tra sconosciuti, che scoprono, poi, di avere molto in comune, perché il Destino non sbaglia.
A fine agosto 2001 tutto il mondo ha seguito la telenovela del matrimonio tra il vescovo esorcista Emmanuel Milingo (nella foto) e Maria Sung. Ma, qualche tempo prima, erano avvenute altre nozze (d'affari): tra il Reverendo Moon e l'Avvocato, una strana coppia che la globalizzazione ha fatto "maritare" e che "convivrà" nel lontano porto di Nampo, Corea del Nord, dove darà alla luce tante Fiat Siena per trasportare famiglie orientali lungo l'autostrada della distensione Seoul-Pyongyang, costruita dal valente Giancarlo Elia Valori, lasciandosi alle spalle le divisioni, i risci┌ e il fantasma dell'anticomunismo, nel nome del mercato, della velocità, del "divino genitale maschile" e del prodigioso numero 9, dovunque esso appaia: contachilometri, voce di bilancio, maglia di Pippo Inzaghi o calendario che si squarcia sotto il peso e la ridicola infamia dei tempi. Ma, prima che tutto questo accada, facciamo un passo indietro e ricostruiamo la storia di questa "benedetta unione".

PASSAGGIO A NORD (OVEST)


La notizia apre pagina 16 dell'Herald Tribune, 16 febbraio. La riprenderà il Financial Times. La metterà sott'olio la stampa italiana. La notizia è che "il braccio finanziario" della Chiesa dell'Unificazione del reverendo Moon ha raggiunto un accordo per produrre automobili nella, un tempo nemica, Corea del Nord, in collaborazione con la Fiat. Lo stablimento, con sede a Nampo, sarà operativo da aprile, la produzione vera e propria comincerà nel 2001. Sfornerà ogni anno 10 mila vetture (modello Siena), ma avrà una capacità dieci volte superiore. La Chiesa di Moon investirà 300 milioni di dollari in cinque anni e riceverà il 70 per cento dei profitti. è il secondo più grande invstimento di una società del Sud nella Corea del Nord. Anche il primo (900 milioni di dollari) aveva a che fare con le auto, essendo targato Hyundai. Si trattava di un fondo per lo sviluppo del turismo, mirato alla costruzione di un parco industriale contenente, guarda caso, una fabbrica di automobili.
Interrogato dall'Herald Tribune sul senso dell'operazione in un Paese dall'economia traballante e dove pochi possono permettersi un'auto, pard┌n, una Siena, il direttore della produzione Fiat per Asia e Medio Oriente, Giuseppe Masci, ha risposto: "È un investimento per il futuro". Deve aver visto all'orizzonte i caselli dell'"autostrada dei Valori", su cui correrà la "Chiesa mobile dell'Unificazione" tra le due Coree. A quel punto, sì, l'affare potrà mettersi in moto. L'importante è prepararsi. Conferme caute e con qualche imbarazzo dall'ufficio relazioni esterne di corso Marconi. "I nostri manager in Asia agiscono liberamente". "Abbiamo accordi analoghi per produrre Regata in Vietnam e c'è un progetto Alfa Romeo in Thailandia". "Se non ci andavamo noi, in Nord Corea ci sarebbe andata la Renault". È la globalizzazione, bellezza. Chissà se qualcuno degli indipendenti manager Fiat in Asia ha trasmesso una relazione sulle sue attività prima di concludere la trattativa, chissà se qualcuno l'ha letta. In caso contrario, potrei raccontare una storia.

TÈ, INCENSO E CHITARRA


L'anno era il 1996. L'uomo, un ex operaio Fiat convertitosi alla vendita di prodotti di erboristeria. La città, ovviamente, Torino. La via, corso Francia, un tappetone d'asfalto che comincia vicino al centro, prosegue quando Torino è già diventata Collegno e, per quel che se ne intravede, potrebbe arrivare a Pyongyang: deve averlo disteso Valori. L'uomo, che aveva anche infilato un "san" tra nome e cognome, mi aveva invitato a conoscere la sua famiglia. La moglie orientale l'aveva incontrata il giorno del matrimonio, in uno stadio tedesco. Officiante: il Reverendo Moon.
Da allora avevano vissuto felici e contenti. Prodotto due bei bambini. La casa era piena di oggetti tintinnanti. Nell'aria, incenso profumato. La sposa mi prepar┌ un delizioso tè verde. Prese la chitarra e suon┌ per me melodie della sua terra natìa. Me ne andai a malicuore, rifuggendo soprattutto dal desiderio di farmi adottare. Mi frenava l'esperienza indiretta in fatto di culti. Ti conquista un giorno di dolcezza e spiritualità. Ti seduce una notte di orge di massa. Poi, ben che vada, fai un assegno che ti svuota il conto, intestandolo a un burattinaio o, mal che vada, ti disponi in cerchio con altri fratelli, mentre il capobanda dà fuoco alla pira che spedirà tutti sul pianeta Papalla.
Questa specie mi sembrava meno pericolosa, e più interessante. Aiutato dal massimo esperto mondiale di sette e culti, il professor Massimo Introvigne, mi addentrai nei misteri di Moon, nei rovesci della sua vita privata e delle sue attività finanziarie. Trovai una strana passione per l'America e i riti di massa. Una difficoltà a individuare un erede decente. La presenza di molte serpi in seno. Una fase finale piuttosto confusa. Quest'uomo, pensai, ricorda qualcuno. "Ma capirlo, ultimamente, è diventato un rompicapo", avvertì Introvigne.


Milingo e Maria Sung

LA SUOCERA È PEGGIO MORTA

Moon fond┌ la sua Chiesa nel 1954. Dopo 40 anni, il 1 maggio del 1994, ne chiuse i battenti, dichiarando esaurito un ciclo e dissolvendola nella Famiglia. Una mossa gattopardesca: tutto era come prima, niente era uguale. Dopo anni di trionfi e nozze di massa in Oriente e Nord America, Moon cercava di rivitalizzarsi, ma anche di cambiare ragione sociale per sfiggire ai creditori e al fallimento. Era cominciata nella sua esistenza una nuova fase, spirituale e finanziaria. Erano arrivati gli angeli dell'aldilà e un laureato da Harvard. Le modifiche dottrinali sono quelle dove maggiormente è apparsa la confusione che, sotto questo cielo, domina anche la mente degli "eletti".
Avvicinandosi alla soglia degli ottant'anni e presagendo imminente la fine, Moon, anziché fare il passo verso l'aldilà, ha attirato l'aldilà a sè, con effetti per lo più grotteschi. Molti uomini hanno problemi con la suocera, patendone gli interventi indebiti. Ma quando la signora è viva. Moon è l'unico essere umano tiranneggiato dalla suocera morta. Da quando è trapassata, Dae Mo Nim ("La Nonna") manda messaggi in continuazione tramite la medium Hjo Nam Kim, divenuta la vera guida spirituale del culto, organizzatrice di simposi a raffica dove diffonde il credo venuto dal paradiso. Vi partecipano, a pagamento, migliaia di discepoli e, si dice gratis, angeli e spiriti. Per i più raffinati tra gli adepti, si propagandano convegni tenuti direttamente nell'altro mondo, a cui sovrintende il figlio di Moon, Heung Jin, deceduto in un incidente d'auto nel 1984.
Tra le più recenti pubblicazioni della congregazione: "Vita nel mondo degli spiriti sulla Terra", scritto dal maestro San Hung Lee dopo la sua morte e contenente, al capitolo cinque, le interviste dall'aldilà richieste dal Reverendo in persona. A domanda rispondono: Hitler, Lenin e Stalin. La stessa triade fu benedetta da Moon, insieme con 120 milioni di coppie, il 30 giugno 1998, aprendo formalmente i cancelli per "la liberazione dell'inferno".
Altra "liberazione" storica compiuta dal Reverendo, quella del numero 9. Nientemeno. Avvenuta con una benedizione impartita alle 9, 9 minuti e 9 secondi del 9/9/1999. Come annota stupefatto Introvigne nel suo libro di prossima pubblicazione "Studies in Contemporary Religion": "Avendo Moon 79 anni il numero 9 era presente 9 volte nella circostanza e la cerimonia, nelle intenzioni, lo riscattava da Satana, restituendolo a Dio". La forza per riuscire in una simile impresa gli veniva forse dalle potenti alleanze concluse, prima ancora di quella con l'Avvocato. Al fianco del Reverendo, durante i suoi sacramenti di massa si sono segnalati, di volta in volta: l'agitatore della Islam Nation, Louis Farrakhan, l'arcivescovo canterino Emmanuel Milingo, l'ex vicepresidente semi-analfabeta Dan Quayle. E solo per nominare i vivi. Consensi all'esterno, ma anche contrasti interni, derivanti da due svolte improvvide di natura religiosa e politica.

NON MORIREMO ANTI-COMUNISTI


"L'organo sessuale maschile ha natura divina". È un'affermazione condivisa in molti bar della Padania e in alcuni testi taoisti, ma che, pronunciata da un uomo sulla soglia degli ottant'anni, ha destato, più che scalpore, incredulità. I saggi della congregazione si sono divisi e, mentre Moon e signora cercavano conferme a Pantanal, nel loro nuovo possedimento terriero "Il Giardino Orientale della Nuova Speranza", sette milioni e mezzo di acri comperati in Brasile, si è rischiato lo scisma.
Ancor più discussa fu, a suo tempo, la scelta che ha spianato la strada alla Fiat Siena: quella di riaprire il dialogo con il rosso Kim Il Sung, sancita da un primo colloquio del 1991. L'estrema destra sud-coreana non gliel'ha perdonato, togliendogli l'appoggio, ma il Reverendo aveva bisogno di nuovi mercati e ha preferito qualche sostenitore in meno e qualche cliente in più. Lo richiedevano i tempi e i bilanci. La Tongil, la holding che rappresentava il braccio finanziario della Chiesa, era sull'orlo del fallimento. Nonostante tutto. Nonostante avesse il monopolio mondiale del commercio di ginseng. Nonostante il ruolo di leader nell'industria pesante e nei componenti auto in Corea del Sud. Nonostante le partecipazioni in molte società editoriali e di comunicazione (nel portafoglio personale di Moon c'è il "Washington Times").
Nonostante i letti di marmo. Precisamente. Nella storia degli accordi economici tra Italia e Moon, l'Avvocato arriva secondo. Al primo posto: i marmisti di Carrara. Succede che in Corea, per tradizione, si dorme sul pavimento. Le tradizioni, è noto a chi le sperimenta, col tempo tolgono il sonno. Per cui, le classi più abbienti, dovendo scegliere tra spezzare il tabù o la colonna vertebrale, non hanno avuto dubbi. E vai col letto. Ma l'ipocrisia è sempre in agguato e trova compromessi di lusso: ecco allora l'idea dei letti di marmo, piattaforme che richiamano il pavimento, ma su cui posare la comodità di un materasso. Costo medio: 10 mila dollari. Provenienza: Carrara. Importatore: la Tongil del Reverendo Moon. Non è bastato per evitare il rosso dei bilanci. E allora: via alle trattative col rosso Kim Il Sung. Via alle trattative con chiunque potesse procacciare affari: il nero Farrakhan, il pallido Quayle.

L'AMICO AMERICANO


L'Avvocato, la strategia delle alleanze a 360 gradi la conosce da tempo. Gli accordi con i comunisti, ex o post (più affidabili di una destra in mano a ex cantanti da crociera) non li snobba. E se la cava anche nella gestione del business, una volta avviato, se gli riesce di tenere a bada qualche vecchio spirito che non ne vuol sapere di trapassare e andare a intervistare Lenin. Moon, invece, è sempre stato un disastro, come lui stesso ha riconosciuto, finché non gli è venuta una luminosa intuizione: far studiare i figli. Così, mentre il primogenito Hyo Jin affondava nel vortice della tossicodipendenza (come rivelato dalla ex moglie in un libro di sofferte memorie dal titolo "All'ombra dei Moon"), il terzogenito Hyun Jin andava a Harvard. Fino a quel momento, era andato a cavallo, arrivando a rappresentare la Corea nell'equitazione alle Olimpiadi del 1988 e del 1992. Dopo: a studiare. Curvo sui libri di economia per conquistare, nel 1998, il master in Business Administration e tornare poi a Seoul per cercare di rimettere insieme i cocci della Tongil, ormai suddivisa in una serie di "scatole coreane" tra cui la Pyongwha Motor Company, affiliata per la produzione automobilistica che ha stretto l'accordo con Fiat, insieme con la società statale nord coreana Ryungbong.
"Ci stiamo ristrutturando", ha dichiarato, firmando orgoglioso, il Reverendo Hwan, "missionario" al Nord. Una nuova fase si accende per la congregazione. Girato il contachilomentri del tempo sul doppio 9 di fine millennio, il futuro si è annunciato con un accordo prestigioso siglato il 3 febbraio e una grande festa celebrata il 10, ottantesimo compleanno del Reverendo. Nell'occasione, per tenersi in esercizio, ha sposato qualche migliaia di fedeli e ricevuto da loro un modesto dono: un tempio, il primo della sua religione, una specie di Lingotto eretto a Chung Pyung, a immagine e somiglianza di quello del re Salomone.

DIO LO VUOLE


Una cerimonia semplice e toccante, che ha riaffermato i valori della Famiglia e opportunamente taciuto sulla più riuscita incarnazione della natura divina. Ha detto il reverendo: "È volontà celeste la riunificazione tra le due Coree". Aggiungendo: "Dobbiamo trovare uno strumento d'amore che le avvicini beneficiandole entrambe". Soluzione: un'autostrada dei Valori percorsa da frotte di Siena. "È una nuova alba", ha annunciato il suo braccio destro, reverendo Hwan. Una radiosa epoca di alleanze a 360 gradi, benedette da religioni-supermarket. I vecchi timonieri s'inchinano alla rotta della globalizzazione e s'incontrano a metà autostrada su un letto di lussuosi compromessi. Dovrebbero vedersi davvero, l'Avvocato e il Reverendo, sontuosi e crepuscolari, patriarchi di famiglie sterminate e sfortunate, costruttori di città visibili e invisibili, padroni di squadre di calcio, cavalli e cavalieri, giornali più o meno autorevoli, padroni dei Giochi, capaci di avere le Olimpiadi a Seoul e, se nevica, a Torino.
Sopravanzati, entrambi, da una nuova leva di arroganti profeti della new economy e della new age, messaggeri elettronici di un Dio degli affari che si annida nella Rete. Fondatori di industrie che si fanno chiesa e viceversa. Profani al proprio credo, autostoppisti lungo la carretera dei valori, destinati al fulgido tramonto, chi a Villar Perosa, chi a Pantanal, dove, è l'ultima rivelazione, dovrebbero aprirsi i cancelli del Cielo. O quelli di Mirafiori. Per lasciar apparire la lucente, promessa, Fiat Siena.

(questo articolo è apparso su "Diario" nel marzo 2000)

 
 
 

Cerca nel sito o nel web


Sito Web

powered by FreeFind

 
 

 

Francesco Delfino
Condannato il generale Delfino dalla Cassazione, per il rapimento Soffiantini.
Ecco chi era il carabiniere che attraversò tutte
le storie oscure d'Italia, dalle stragi nere al terrorismo rosso, dai sequestri alla mafia

Pannella Bonino Spa
Come è cambiato il movimento delle battaglie radicali

Il partito-holding e la politica marketing
I radicali, da fantasioso gruppo di volontari a piccola holding

Campioni d'Italia

Flavio Briatore
Mafia, donne e motori

Giancarlo Elia Valori
Le ombre del potere

Massimo De Carolis
Politica e tanti affari

Edgardo Sogno
Il golpista ha confessato,
i suoi sostenitori no

Dietro le quinte:

Grande Fratello,
grande truffa

Una folla di giovani italiani si sta preparando
a partecipare alle selezioni per la seconda edizione.
Attenzione agli imbrogli

 
posta